Crea sito



ProfWord

Lettera H

35 definizioni


H.323: standard per la trasmissione audio/video su reti a commutazione di pacchetto.

Hacker: utente con profonde conoscenze informatiche e forte desiderio di conoscenza ed esplorazione, soprattutto nell'ambito della sicurezza informatica; il vero hacker non ha fini di lucro, ma intende solo affrontare ogni protezione come sfida alle proprie capacità (spesso, e può sembrar strano, con buoni propositi); per colpa dei media, spesso gli viene dato un significato sbagliato, da non confondersi quindi con i cracker. (vedi anche white hat e black hat).

Half-duplex (spesso abbreviato con HDX): utilizzato nella trasmissione asincrona per esprimere la capacità di trasmettere sullo stesso canale in entrambe le direzioni ma non contemporaneamente (in una direzione alla volta).

Handhead pc: palmare con tastiera, simile ad un notebook.

Hard disk: disco magnetico rigido usato come memoria nei computer per immagazzinare dati, in genere non è estraibile dal computer e la registrazione dei dati può essere effettuata ad altissime densità e velocità.

Hardware: letteralmente ferraglia, in informatica si intende l'insieme dei componenti (cpu, hard disk, ecc.) che costituiscono un computer.

Hash: operazione di cifratura di un intero testo, che genera una stringa di lunghezza fissa e univoca per quello specifico messaggio.

Hd (high density o high definition): se high density si intende l'alta densità che permette una maggiore capacità nello stesso spazio fisico, era usata soprattutto per distinguere i vecchi floppy da 1Mb e 2Mb.
II def. (high definition): vedi HD TV

Hdcp (High Definition Copy Protect): tecnologia che impedisce (!) la copia dei film in alta definizione (blue-ray e HD-DVD) attraverso un'uscita video digitale, come l'HDMI; in altri termini, cambiando i termini della sigla (High Bandwidth Content Protection) ` un protocollo che codifica il segnale video in uscita verso il monitor, che, se ha un chip dedicato, lo decifra... insomma lo stesso fine.

Hdmi (High Definition Multimedia Interface): evoluzione dell'uscita video DVI che permette il trasferimento delle immagini e dell'audio (integra la tecnica anticopia HDCP).

Hd Tv (High Definition TV): codifica televisiva digitale audio e video che utilizza oltre 1000 linee di scansione, permettendo l'uso di schermi di grandi dimensioni poiché l'immagine non perde definizione; in parole semplici, l'alta definizione dei nuovi televisori (al plasma o tft) che supporteranno la televisione del futuro capace di superare il vecchio limite degli 800x480 punti per immagine.

Hdsl (High bit rate Digital Subscriber Line): tecnica trasmissiva simmetrica (cioè caratterizzata da uguali capacità trasmissive da e verso l'utente) che consente di fornire capacità di 2 Mbit/s.

Head: la testa di un documento html dove vengono inseriti gli elementi di descrizione generale che non vengono interpretati (e quindi non visualizzati) dal browser.

Header: intestazione, ovvero porzione di un pacchetto che precede i dati e che contiene interessanti informazioni come gli indirizzi di origine e di destinazione, e alcuni dati per il controllo degli errori.

Hi-tech (High Technology): apparecchiatura con elevate caratteristiche tecnologiche.

Hit: una richiesta per un singolo oggetto effettuata dal client al server web.

Home page: pagina principale (o iniziale) di un sito, contiene una presentazione e annuncia gli argomenti contenuti e dalla quale si inizia la navigazione; spesso contiene un indice del sito, anche se per estensione (sbagliando) si usa per indicare un sito amatoriale.

Honeypot: una sorta di "server trappola" (o esca) che serve ad ingannare i malintenzionati, che possono così essere facilmente identificati per prendere le contromisure; molto spesso sono utilizzati da chi studia il codice maligno in giro per la rete.

Host: computer che gestisce dati e programmi a cui possono accedere altri computer collegati alla stessa rete, in un indirizzo internet (URL) il nome dell'host è la parola che precede il dominio, molto spesso www o ftp.

Hosting: disponibilità di spazio su un server per la visualizzazione di un sito internet.

Hostname: nome dell'host che viene assegnato ad un particolare computer, cioè il nome che identifica un computer in una rete, in internet, ad es., un host name completo è "profland.cjb.net", dove "profland" è il nome dell'host vero e proprio e "cjb.net" è il nome di dominio; lo stesso computer può avere diversi host name per le sue diverse funzioni.

Hot java: un browser interattivo per World Wide Web sviluppato dalla Sun Microsystems che gestisce programmi scritti in Java i quali possono visualizzare animazione o cooperare con altri programmi sul WEB; la grande diffusione del java ha portato ad una guerra giudiziaria tra la stessa Sun e la Microsoft (vinta poi dalla Sun).



Hotlist: selezione di diverse pagine web a cui si accede con estrema velocità, per intenderci sono i "segnalibri" di Netscape ed i "preferiti" di Internet Explorer.

Hot region: è una particolare area di un'immagine in-line, la quale è in grado di attivare un indirizzo di url specificato, semplicemente cliccandovi sopra col mouse, in altre parole una porzione linkabile e cliccabile di un'immagine.

Housing: affitto di un server, presso un provider, per ospitare le pagine di un sito ed eventualmente anche il database dei visitatori e i programmi di gestione del commercio elettronico; lo spazio non è condiviso con altri, come accade invece per líHosting; il provider si occupa della manutenzione del server e della connessione ad Internet; indispensabile per i siti con molte visite o con particolari necessità.

Href (Hypertext Reference, riferimento a ipertesto): attributo in un documento HTML che definisce un collegamento ad un altro documento sul Web.

Hsdpa (High Speed Downlink Packet Access): tecnologia che permette di ampliare la larghezza di banda delle attuali reti raggiungendo una velicità massima di 14 Mbps, paragonabile all'ADSL ma su un dispositivo mobile.

Html (HyperText Markup Language): linguaggio standard che permette di realizzare ipertesti multimediali caratterizzati da fonti eterogenee (testi, suoni e immagini... in pratica le pagine web); non è comunque un vero linguaggio di programmazione ma un sistema di contrassegno (markup), in quanto si può scrivere come un normale file di testo txt con la sola eccezione dei tag (le istruzioni), è costituito da una testa (head) e da un corpo (body).

Http (HyperText Transfer Protocol): protocollo con cui avviene la comunicazione e il trasferimento nel sistema client/server, gestendo quindi i vari collegamenti; in pratica http si connette al server, richiede il documento, recupera la pagina e chiude il documento.

Httpd (HyperText Transfer Protocol Daemon): utilizzato nel contesto del software per Windows del web server HTTPD di NCSA, il software del server è classificato daemon poiché attende passivamente l'arrivo di richieste http.

Https (HyperText Transfer Protocol Secure): variante dell'Http con un maggior livello di sicurezza, usato per gestire transazioni commerciali sicure su Internet.

Hub: dispositivo utilizzato per estendere la rete in modo tale che altre workstation possano essere collegate tutte alla stessa rete; esistono due tipi di hub (hub attivo e hub passivo); in alcune reti a stella, uno hub è il dispositivo di controllo centrale.

Hub attivo: dispositivo che amplifica i segnali di trasmissione in una rete e che può avere porte di connessione per cavi coassiali, cavi in fibra ottica e indicatori luminosi per indicare che ogni porta sta operando correttamente.

Hub passivo: suddivide il segnale di trasmissione consentendo l'aggiunta di altre hub alla rete; un semplicissimo hub può essere anche ad es. uno sdoppiatore di porte usb.

HyperTerminal: programma di utilità di windows, che permette di colegare il computer a serve remoti.

Hypertext: vedi ipertesto.