Crea sito



ProfWord

Lettera D

95 definizioni


Daemon: programmi "residenti" che si occupano della gestione di ftp, telnet e http.

Darpa (Defence Advance Research Project Agency): è l'agenzia centrale di ricerca e sviluppo che ha creato la rete Arpanet, punto di partenza di Internet.

Dashboard: "fotografia" o "cruscotto" riepilogativo di uno strumento informatico, che permette una visione d'insieme di svariati aspetti (es. indici e grafici).

Dat (Digital Audio Tape): registrazione acustica o video registrata su nastro in formato digitale.

Database: è un insieme di informazioni (dati organizzati) relative ad un particolare oggetto o scopo, inserite in un record e tabelle (ad es. Access, SQL server, MySql, ecc.).

Data Cartridge: termine che ricopre una vasta serie di significati, le data cartridge sono testualmente cartucce con la capacità di contenere dati, informazioni. In realtà ne esistono di diversi tipi e produttori e possono essere a disco o a nastro (...), contenitive o pulenti (...).

Datagram: pacchetto dati che contiene informazioni sull'indirizzo di provenienza e di destinazione e che viene inoltrato sulla rete.

Data mining: procedura con cui possono valutare grandi quantità di dati, trovare associazioni e relazioni visibili o nascoste, andando così a scoprire regole e fatti. I dati interpretati in prima battuta con processi di data mining finiscono nel datawarehouse.

Data (dati): numeri o altri metodi di registrazione in una forma che può essere memorizzata, elaborata o trasmessa dai computer; un dato di per se non ha significato, solo quando viene interpretato da qualche sistema di eborazione diventa un'informazione (ad es. il numero 0811234567 è un dato, ma se fosse un numero di telefono sarebbe un'informazione).

Datawarehouse: una sorta di grande database decisionale, orientato a trovare e consentire l'analisi delle informazioni implicite nei dati, che, quindi, non sono volatili, ma fissi, storici. Altra caratteristica fondamentale del datawarehouse è la consistenza: i dati provenienti dai vari database (e in teoria da ulteriori fonti, anche non schematizzati) quando passano nel datawarehouse diventano uniformi alla lettura e organizzati non più necessariamente per argomento, ma per obiettivo.

dBi: unità di misura per la qualità della trasmissione del segnale radio.

Dcc (Direct Client Connection): protocollo per scambio di dati (quindi file) fra due client; molto usato nel mondo irc per lo scambio di file tra due o più utenti.

Dce (Data Communication Equipment): dispositivo, solitamente un modem, che collega un qualsiasi computer ad una rete pubblica.

Ddos (Distribuited Denial Of Service): tipo di attacco nel quale moltissimi computer effettuano la stessa richiesta di servizio ad un singolo server sotto attacco, il quale, non reggendo un tale carico di richieste, sospende il servizio o si blocca.

Ddr (Double Data Rate): particolare tipo di RAM in grado di inviare due dati per ogni ciclo di clock 8cioè in modo bidirezionale, sia in modalità 0-1 che 1-0), risultando molto più veloce delle precedenti versione (Edo, Dimm, ecc.).

Deadlock: è una condizione di errore o di stallo del sistema causato da due programmi oppure da due dispositivi in attesa di segnale l'uno dall'altro.

Debug: l'azione effettuata dal programmatore o dal software stesso che elimina eventuali bug dalla programmazione.

Decibel (o dB): unità di misura convenzionale con la quale in acustica si indica il livello di un fenomeno acustico; ad essere precisi il dB non è una unità di misura, ma un modo di esprimere una certa misura (esso è adimensionale).

Decriptare: interpretazione e traduzione di codice criptato in un chiaro linguaggio, indica il processo inverso alla crittografia.

Dect: tecnologia senza fili applicata ai telefoni fissi che permette un accesso alla rete anche a grande distanza dalla base (il raggio d'azione si aggira, in condizioni ottimali, intorno ai 1000 m).

Defacement: tipologia di attacco verso un sito internet tramite il quale un malintenzionato ne sostituisce la pagina iniziale con una versione modificata che spesso riporta scherzi, insulti o altri commenti; i danni sono generalmente lievi dal punto di vista tecnico, più che altro sono azioni dimostrative che mirano a minare l'"immagine" dell'obiettivo; assolutamente sciagurati quelli verso siti della comunità hacker, opensource o a sfondo sociale.

Default: ovvero "di base", si dice delle impostazioni che, se non modificate, hanno caratteristiche predefinite accettabili da gran parte degli utenti (ad es. dagli sviluppatori di un editor di testi che impostano un font iniziale) per fortuna possono essere modificati a proprio piacimento.

Definizioni: collezione di modelli di virus utilizzate come riferimento da un software antivirus per la ricerca e la rimozione; un software antivirus è efficace solo se l'elenco delle definizione è opportunamente aggiornato.

Defrag (deframmentazione): termine che indica la procedura di deframmentazione delle memorie attraverso la quale si migliorano le prestazioni in lettura e scrittura dell'unità stessa; ad es. in windows i file vegono memorizzati in cluster e quindi divisi in più frammenti (specie col passare del tempo) che con la deframmentazione possono essere riuniti in blocchi per una lettura/scrittura più rapida.



Demo: generalmente sono versioni di prova; nel caso di un software si esplica di solito nel limitarli nelle funzionalità e/o nella durata (per intenderci, sono i due quadri del gioco che si trovano in una rivista e che fanno venire voglia di acquistare il gioco intero).

Dep (Data Execution Prevention, ovvero Provenzione da esecuzione dati): programma di windows che controlla l'utilizzo della memoria per scovare e bloccare i virus; tale funzione è ancora più efficace se unita all'uso dei processori che sfruttano la tecnologia Nx, nota col nome di EVP (Athlon 64) o XD (Pentium serie J).

Denial of Service (DoS, lett. Smentita di Servizio): tipo di attacco portato al pc che consiste nell'inondare un indirizzo IP (ad es. il nostro pc) in modo che i computer vadano in cash o perdano la connessione a Internet; gli attacchi DoS sono in genere rivolti contro i maggiori server web, con l'obiettivo di rendere inaccessibile ad altri visitatori il relativo sito.

Desktop: schermata pricnipale di un sistema operativo con ambiente grafico (windows, linux, macos, ecc.); spesso viene anche detto piano di lavoro (o scrivania) in quanto è la schermata sempre presente al di sotto delle finestre degli applicativi.

Desktop publishing: creazione tramite pc di documenti di elevata qualità grafica, solitamente pronti per la stampa (cartacea o digitale)

Despammer: servizio che, una volta registratisi, fornisce all'utente un nuovo indirizzo di posta che funge da filtro anti-spam, rigirando all'idnirizzo originale dell'utente solo la posta che appare desiderata.

Dhtml (html dinamico): evoluzione del linguaggio HTML che rende possibile una gestione più efficiente delle informazioni visualizzate come pagine HTML, oltre ad animazioni, selezione di bottoni ed altri effetti multimediali (senza bisogno di installare plug-in).

Diafonia: fenomeno di accoppiamento elettromagnetico tra i segnali che viaggiano su portanti affasciati nello stesso cavo, se di grande entità può degradare in modo inaccettabile la qualità della trasmissione (specialmente la trasmissione dati); sidistingue tra paradiafonia e telediafonia a seconda che il disturbo in ricezione sia provocato rispettivamente da trasmettitori vicini o lontani.

Dialer: programma, eseguibile o autoinstallante, che effettua una chiamata telefonica diretta modificando le impostazioni di accesso remoto delle connessioni di tipo dial-up); in altre parole modifica la connessione del normale collegamento internet indirizzando la chiamata verso un numero internazionale o a valore aggiunto; sono numerosi i siti - di solito pornografici, di loghi e suonerie, di wallpaper - dove è possibile (spesso senza volerlo) scaricarli; spesso (in maniera molto subdola) viene utilizzata la frase "senza carta di credito", cosa ben diversa che "gratis"...quindi occhio a non scaricarli, sempre che non si voglia veder crescere in maniera esorbitante la propria bolletta telefonica.

Diffing: tipo di attacco che prevde il confronto di due file per ottenere informazioni preziose; se ad es. abbiamo a disposizione un file binario che contiene una password e non sappiamo in che posizione si trovi, possiamo farne una copia, modificare la password e confrontarlo con il precedente.. ovvio che noteremo almeno un byte diverso (ovvero capiremo la posizione della password).

Dimm: moduli ram attualmente più utilizzati, non devono essere installati necessariamente a coppie; si distinguono da vecchi moduli simm anche per la magiore lunghezza.

Directory (o dir): vedi cartella

Directory Climbing (o Direcortory Trasversal Backticking): tecnica che consente di spostarsi all'interno delle dir del computer in esame, sfruttando un semplice trucco di notazione dei percorsi, ancora consentito in molte macchine e derivante dai vecchi ambienti Unix e Dos; spesso è sufficiente anteporre a qualunque nome di file si voglia aggiungere sul computer una serie di /.. indicandogli di risalire nell'albero della dir per ogni coppia.

Directory Web: elenco di siti Web; a ciascun sito elencato è associato un url e una descrizione.

Direct3D: software sviluppato da microsoft e contenuto all'interno delle , destinato alla visualizzazione della grafica 3D; un programma che supporta tale grafica funziona con qualsiasi scheda grafica accellerata.

DirectDeaw: parte delle directx riservata alla grafica bidimensionale.

DirectX: istruzioni (o librerie) di Microsoft utilizzate per gestire i programmi multimediali e farli dialogare con le periferiche su windows; la funzione principale risiede nella riproduzione della grafica complessa in 2d o 3D di videogiochi. Le diverse versioni vanno di paro passo con le versioni di windows (forse per constringere gli utenti a passare alle ultime versioni dei sistemi oeprativi?).

Disaster recovery: trategia che viene studiata (e generalmente formalizzata in una apposita procedura) in previsione di un qualsiasi evento tecnico o di altra natura (es: guasto o danneggiamento di server o dischi rigidi, perdita o manominssione di dati, ma anche incendi, ecc..) in grado di mettere in crisi un sistema informatico compromettendone il corretto funzionamento e che ha come obiettivo il più rapido e completo possibile ripristino delle funzioni e dei dati presenti nel sistema stesso; si può definire anche come la capacità di una infrastruttura di riprendere il proprio funzionamento dopo un evento imprevisto che ha azzerato la struttura informatica.

Disaster Recovery Plan (o piano d'emergenza): parte del piano di business recovery e costituito dalla formalizzazione scritta delle procedure inerenti le fasi progettuali consistenti nella definizione dell’idonea strategia, nella realizzazione della soluzione rispondente agli obiettivi aziendali e la definizione di un piano di test e nella gestione/manutenzione tale da assicurare la costante efficacia ed efficienza della soluzione stessa (anche tramite test periodici).

Dissipatore: dispositivo per la riduzione della temperatura dei componenti hardware interni ad un computer, a volte necessario epr evitare il surriscaldamento e, quinid, il malfunzonamento dei componenti.



Dischetto (o floppy disk): involucro di plastica da 9x9 cm che contiene un piccolo disco magnetico su cui ` possibile salvare fino a 1.44 MB di dati.

Dischetto di avvio: molto utile nel caso il SO su disco fisso sia danneggiato e si abbia bisogno di riavviarlo tramite un sistema operativo in miniatura (tanto per salvarsi alcuni file).

Dischi removibili: ogni dispositivo di salvataggio che non si trovi all'interno del computer è detto disco rimovibile (come i dischetti, cd, memorie usb o dischi fissi esterni).

Disclaimer: avviso di limitazione di responsabilità.

Disco fisso: rappresenta la memoria utilizzata all'interno del computer per salvare i dati (vedi hard disk).

Disinstallazione: operazione necessaria nel qual caso si voglia eliminare un programma installato sul proprio computer, infatti non ` sufficiente spostare la relaiva cartella nel cestino dato che non si andrebbero ad eliminare tutti i file né le modifiche fatte al registro (in windows), rendendo alla lunga il computer più lento.

Dispositivo: descrive qualsiasi elemento hardware o periferica in grado di inviare o ricevere dati.

Distanza focale: in fotografia, dalla distanza focale di un obiettivo dipende il formato di un'immagine, più è grande, tanto più vicino appare l'oggetto nel mirino.

Distorsione armonica totale (THD, Toatl Harmonic Distorsion): viene di solito presentata asseime al rumore N (da "noise"), da qui THD+N; misura la distorsione dovuta alla formazione di frequenze armoniche, cioè multipli interi di quelle in ingresso; misurata in percentuale, non deve eccedere il valore di 0.1%.

Distributed Denial of Service (DDoS): sferrare un attacco DoS utilizzando più computer (il malintenzionato prende il controllo di più computer e li usa come piattaforme per lanciare l'attacco, amplificandone l'intensità e rendendo più difficile il riconoscimento della sua identità.

DivX: codec ultra ottimizzato di compressione audio/video nato col preciso scopo di ottenere una qualità discreta con bit-rate molto bassi; tali file (con estensione .avi) possono essere riprodotti solo dove ci siano i codec necessari per la codifica, per ora quindi solo su pc, anche se è già possibile usare le nuove console di gioco ed in futuro anche i normali lettori dvd (in entrambi i casi con le opportune modifiche); ogni film in tale formato può essere memorizzato su un singolo cd, mentrre in un dvd dl ce ne potrebbero stare anche 12.

Dlp (Digital Light Processing): tecnologia che garantisce maggiore luminosità e colori più reali rispetto alle tradizionali alternative.

Dma (Direct Memory Access, memoria ad accesso diretto): metodo per spostare i dati dal disco direttamente nella memoria (RAM), senza passare per l'unità di calcolo centrale (CPU).

Dmz (DeMilitarized Zone): computer o sottorete che si trova in mezzo tra una rete interna fidata (come una rete privata aziendale) ed una rete esterna non fidata (come Internet); tipicamente una Dmz contiene apparecchi accessibili al traffico internet (come server web o ftp); il termine deriva dal gergo militare per indicare una terra di nessuno tra due schieramenti nemici (azz...).

Dn (Domain Name): il nome, unico, che identifica un sito Internet; è composto da 2 o più parti, separate da punti, la parte sulla sx indica il "nome" del sistema. quella sulla dx la nazionalità o la natura del server; una singola macchina può avere più di un DN, ma ciascun DN può puntare ad una ed una sola macchina.

Dns (Domain Name System): database dove al nome di ciascun host (DN) è associato il corrispondente indirizzo IP, al quale il browser si collega; in altre parole ad ogni indirizzo internet (ad es. www.profland.cjb.net) facile da ricordare, corrisponde un indirizzo numerico a 32 bit composto da quattro "blocchi di numeri" (ad es. 212.210.159.51) ben più difficile da ricordare; dato che è usato anche per la connessione dei telefonini ed il numero dissponibile è praticamente esaurito sarà sostituito dall'Ipv6.

Documento composito: documento sul quale compaiono testo in bianco e nero, grafici e foto a colori; utile se si voglia testare la propria stampante con tutte le sfaccettature possibili.

Docking station: dispositivo di connessione utilizzato per le fotocamere digitali che consente di trasferire i dati dalla fotocamera al computer senza utilizzare ogni volta il cavo usv che è sempre collegato da questa base al computer stesso.

Dolby (dal nome dell'ing. Ray Dolby): è un sistema di riduzione del fruscio derivante dallo scorrimento del nastro contro le testine; dolby sorround è un sistema di riproduzione del suono con il quale le convenzionali caratteristiche della riproduzione stereofonica (diffusore destro/sinistro) vengono esaltate grazie all'impiego di diffusori posteriori: si ottiene così un maggior realismo, particolarmente nelle scene d'azione; dolby sorround pro logic tipo di decodifica audio multicanale del sistema Surround, elaborando un segnale stereofonico con tale codifica vengono ricreati altri due canali monofonici: il canale centrale, destinato a riprodurre i dialoghi; il canale posteriore (monofonico e sdoppiato su 2 o più diffusori posti dietro o a fianco dello spettatore), ha il compito di aumentare l'effetto presenza; completano il sistema i due diffusori laterali destro e sinistro a banda audio completa che riproducono gli effetti principali. Questo sistema di decodifica audio è attualmente il più diffuso nella cinematografia, nei CD ed in alcune videocassette.

Domain: servizio che permette di risolvere gli indirizzi testuali in indirizzi numeri (ip)

Dominio: definizione della parte alla destra della chiocciola per quando riguarda le e-mail o parte di un sito situato tra i www e l'estensione (.it, .com, .org,...), ad esempio www.dominio.it.

Dominio di primo livello (top level domain): la parte a destra della URL, che identifica generalmente la nazionalità del dominio (it = italia, es = spagna, fr = francia...) o la sua qualificazione (com = commerciale, org = organizzazione...).

Dominio di secondo livello: il PRMD (Private Domain) name, in genere la parte intermedia della URL, ad esempio la parola "emergency" all'interno dell'indirizzo www.emergency.it.

Doppino telefonico (o coppia simmetrica in rame, twisted pair): due fili di rame che costituiscono il portante storicamente utilizzato per la telefonia analogica in area d'accesso.

Dos (Disk Operating System): comune abbreviazione per MS-DOS (Microsoft-DOS), ` un sistema operativo per singolo utente che esegue un programma alla volta, limitato a lavorare con un megabyte di memoria (RAM), 640 kilobytes dei quali sono a disposizione per programmi applicativi e alinea di comando; con l'aggiunta di una speciale scheda di memoria (EMS), si può superare il limite di un megabyte. Piccola nota storica:agli albori dell'informatica di massa, IBM - proprietaria del sistema - lasciò i diritti al suo ideatore perchè non riteneva il sisteam di interesse... il nuovo proprietario era un novellino di nome Bill Gates...

Dot pitch: distanza, misurata in mm, tra i pixel; un punto sullo schermo è formato da tre colori primari (rosso-verde-blu, in acronimo RGB); il dot pitch misura la distanza tra i punti dello stesso colore che compongono l'immagine (tipicamente la distanza è 0.28 mm, ma se arriva a 0.22mm o meno.. è meglio).

Downgrade: in sostanzia il passaggio da una versione più recente ad una meno recente, in quanto considerata migliore; difficile che nell'era informatica sia un procedura usata, ha fatto storia quello relativa a windows vista verso windows xp (tra l'altro a pagamento!)

Download: operazione che permette di scaricare sul proprio computer (locale) file presenti su un altro computer (remoto), la relativa velocità dipende da numerosi fattori (ad es. modem, intasamento della rete, larghezza di banda disponibile).

Downsizing: ridimensionare verso il basso, il processo di far migrare un programma applicativo da un mainframe (grosso computer) ad un sistema più piccolo, tipicamente un sistema client-server.

Dpi (Dots Per Inch): un'unità di misura, espressa in punti per pollice, usata per descrivere la risoluzione delle immagini prodotte dalle stampanti o da altri dispositivi di output; più la misura è grande, migliore è la resa grafica (ad es. il monitor ha 72 dpi, le stampanti laser hanno un minimo di 300 dpi, quelle ad alta definizione arrivano fino a 2400 dpi).

Drag and drop: tecnica di trascinamento di cartelle o altri oggetti dell'interfaccia con il mouse: si seleziona l'elemento in questione, lo si trascina (drag) e lo si lascia "cadere" (drop) sulla destinazione desiderata.

Driver di dispositivo: è un programma, in genere di piccole dimensioni, che serve al computer per controllare un dispositivo hardware, indica cioè al calcolatore le modalità di gestione di dispositivi come lettori di CD-ROM, monitor, tastiere, schede di rete, ecc.

Driver di dispositivo di rete: controlla il funzionamento di una scheda di rete coordinandola con gli altri dispositivi hardware e software del sistema.

Drm (Digital Rights management - Gestione dei diritti digitali): protezione anti-copia per file audio e video che stabilisce su quali dispositivi un file può essere riprodotto e/o copiato; non tutti i formati possono supportarlo (es. mp3 no e wma si).

Dsl (Digital Subscriber Line): collegamento a internet a banda larga, ovvero ad una velocità fino a 48 volte più veloce dell'isdn; ce ne sono di vari tipi, contraddistinti dalla lettera che si pone davanti a dsl: ad es. A-dsl, X-dsl ecc.

Dsn (Data Source Name): nome e percorso nelle reti di un file che sia una fonte di dati.

Dsr (Data Ser Ready): segnale di controllo dell'interfaccia modem che indica che il modem può trasmettere dati.

Dsp (Digital Signal Processing, ovvero elaborazione di segnali digitali): è un circuito integrato che velocizza l'elaborazione dei dati, si trova in dispositivi hardware di acquisizione, manipolazione e trasmissione dati come il modem, le schede audio e video per velocizzare il processo di elaborazione necessario in alcune applicazioni come per esempio la video conferenza.

Dte (Data Terminal Equipment): dispositivo connesso ad una rete pubblica o a qualsiasi dispositivo di comunicazione.

Dtr (Data Terminal Ready): segnale di controllo dell'interfaccia modem (inviata dal DTE al modem), che indica che il DTE è pronto a trasmettere e chiede che il modem venga connesso ad una linea telefonica.

Dtmf (Dual-Tone Multi-Frequency): metodo di composizione dei numeri telefonici usato negli apparecchi attuali, ovvero un sistema di trasmissione audio capace di codificare e decodificare 16 distinti suoni che vengono associati due a due ad ogni tasto.

Duplex (detto anche full-duplex): è un canale (o modulo sonoro), nella trasmissione asincrona, capace di trasmettere e di ricevere (ovvero di riprodurre mentre si registra); i canali half-duplex possono solo trasmettere o solo ricevere, cioè eseguire una sola operazione per volta

Dvb-C/T/S: indica la televisione digitale terrestre via cavo (C), tramite antenna (T) o via satellite (S). La sigla S2 indica la possibilità di trasmettere immagini in alta definizione tramite satellite.

DVD (Digital Versatile Disc): supporto ottico (simile al cd ma con maggiore capacità di memoria) nel quale si può riversare sia video di qualità cinematografica che audio superiore a quello dei normali cd; supporta il formato televisivo 4:3 e cinematografico 16:9, può contenere fino a 8 tracce digitali audio multicanale (5+1 e anche 6+1) e fino a 32 tracce di sottotitoli; è capace di visualizzare uan stessa scena da angoli di ripresa diversi, menù multilingue interattivi, ricerca in tempo reale di un qualsiasi punto del film (sia per capitoli che per codice temporale);
Le specifiche tecniche sono:
  • video: compressione Mpeg2; date rate fino a 9.8 Mbit/sec; bit rate variabile; risoluzione di 720x576 e 704x576 pixel per Pal e 720x480 e 704x480 pixel per Ntsc;
  • audio: compressione Mpeg Layer II, Pcm, Ac3 digital e Dts; frequenza di campionamento di 48 kHz; bit rate 96 kbits/sec (Ac3 mono) a 1536 kbits/sec del Dts; canali da 1 (mono) a 6+1 (Dolby Digital EX).


Dvd-Ram: simili asi dvd a singolo strato, possono essere scritti e cancellati fino a 100000 volte, ma non sono letti da tutti i dispositivi, in quanto scrive ei dati in settore ( enon le tracce in spirali normali); si possono distinguere dai dvd normali per dei piccoli rettangoli sul retro.

Dvd-R/+R: si presenta come un supporto ottico da 12 cm con dei contrassegni sulla superficie; ha una capacità di 4.8 GB e può; i mini-dvd con un diametro di 8cm arrivano a 1,4 GB.

Dvd-R DL /+R DL (Dvd Dual layer o Double Layer): dvd con doppio strato con conseguente capacità doppia (fin a 8,4 GB)

Dvd-Rw/+Rw (Dvd ReWritable): particolare tipo di dvd con capacità di riscrittura dati di 10000 volte; come i dvr scrivibili hanno una capacità di 4,7 GB;.

Dvi (Digital Video Interactive o Interface): sono l'insieme di specifiche per la realizzazione di sistemi multimediali che consento la fusione di diversi formati di file quali audio, video e testo tramite una connessione interamente digitale e quindi senza perdita di qualità (al contrario della porta Vga);
ne esistono di diversi tipi:
  • DVI-D: il segnale viene trasmesso solo digitalmente;
  • DVI-I: il segnale può essere sia digitale che analogico.