Crea sito



ProfWord

Lettera B

63 definizioni


Backbone (lett. spina dorsale): livello gerarchicamente più elevato in una rete di telecomunicazioni, ovvero linea ad alta velocità o serie di connessioni che costituiscono la principale via di comunicazione all'interno di una rete, poiché è la porzione di rete su cui transita la maggior parte del traffico, molto spesso usa un protocollo a velocità superiore a quella dei singoli elementi della rete locale (LAN).

Backdoor: accesso privilegiato da parte di sistemisti autorizzati o autori stessi del privilegio, all'interno di un sistema di sicurezza di una Rete; il codice che consente la backdoor è spesso l'obiettivo di malintenzionati, per questo è diventato sinonimo di accesso abusivo ad un sistema di computer o di dati tramite delle falle (appunto le porte aperte) nella connessione che permettono di rpendere il controllo della macchina obiettivo.

Back Orifice (o BO): strumento di amministrazione remota per i computer su piattaforma win, realizzato dal gruppo hacker del Cult of the Dead Cow; spesso utilizzato per lo più come trojan, ma è un ottimo strumento di amministrazione remota paragonabile ad altri programmi Microsoft e simili.

Backup: copia di riserva di tutti i file presenti su hard disk (o solo di quelli più importanti), che viene fatta su dischetti, cartucce o dischi ottici per evitare la perdita di tutti i dati.


Balance scorecard: strumento di supporto nella gestione strategica dell'impresa (Business Intelligence) volto ad attivare un processo di analisi strategica finalizzato a definire mission e vision imprenditoriali in un insieme coerente di misure di performance, facilitandone la misurabilità.

Ban (termine Irc): azione che impedisce ad un utente di entrare in un canale; in genere segue il kick, ma ciò non significa che non si possa bannare qualcuno che al momento non si trova in un canale visto che i ban vengono effettuati sulle 3 informazioni base Nick, Ident e Ip/Host (la più usata); è un comando per i soli operatori del canale (vedi op).

Banca dati del registro di sistema: luogo dove viene salvata la maggior parte delle istruzioni di configurazione di windows (attenzione a modificarne le stringhe...).

Banda: capacità di collegamento, cioè la quantità di dati che possono transitare contemporaneamente su un server, più è alta la banda, meno difficoltà si troveranno nello sfogliare le pagine di un sito.

Banda larga: il termine indica le connessioni di rete veloci (non solo internet) in grado di gestire più frequenze di un canale standard per voci a 3KHZ.

Bandwidth: indica l'ampiezza di banda, ovvero la quantità di dati che può essere inviata attraverso una connessione, ovviamente quanto maggiore è la larghezza di banda, tanto maggiore sarà il numero di utenti che possono utilizzare la linea nonchè la loro velocità di trasmissione (normalmente viene misurata in bps).

Banner: generalmente un'immagine statica o animata di dimensioni variabili che rappresenta una pubblicità su una pagina internet; il banner à generalmente cliccabile e conduce alla home page di un sito Internet (sponsor).

Barra degli indirizzi: in un browser, campo dove si digitano gli indirizzi dei siti internet che il browser steso dovrà richiamare; ` una lunga barra bianca che di solito si trova nel programma di accesso ad internet al di sotto della barra di menù.

Barra di avvio: in windows, predne il nome dal tatso start ed in essa vengono indicati tutti i programmi correntemente caricati con nome e simbolo; per capirci, è quella barra che si trova, di solito, in basso tra il pulsante start e l'orologio.

Baud: durante la trasmissione di dati, il numero di cambiamenti di stato del dispositivo di trasmissione per unità di secondo; in pratica indica la velocità alla quale un modem converte i segnali in uscita da un computer per essere inviati su linea telefonica analogica (non digitale); nello specifico il "baud rate" differisce dalla velocità di trasmissione dati del modem, che si misura in bps (bit per secondo), le due unità di misura coincidono solo quando si parla di 300 baud o di 300 bps.

Bbs (Bullettin Board System): su un computer equipaggiato con uno o più modem è un sistema che veicola dati e informazioni di solito per un particolare gruppo con interessi specifici, le BBS erano spesso usate da venditori di software o da gruppi di utenti, oramai sostituite dalla rete internet.

Beenz: moneta virtuale della rete; nati a scopo promozionale i Beenz si guadagnano visitando i siti web che fanno parte del circuito Beenz.com, una volta accumulati sono spendibili sui siti stessi.

Binario (binary): sistema metrico con cui "ragionano" i computer, infatti ` genericamente utilizzato per identificare tutti i dati memorizzati o trasferiti in forma digitale.

BinHex (Binario-Esadecimale): metodo di conversione di file "non testo" in file ASCII per l'invio attraverso e-mail.

Biometria: tecnica di riconsocimento di una persona attraverso alcune caratteristiche fisiche specifiche di ognuno (le impronte digitali o la retina oculare sono trale migliori perché uniche per ognuno di noi); a dire il vero noi stessi utilizziamo quotidianamente dei metodi di riconoscimento biometrico ogni volta che riconosciamo qualcuno al telefono dal timbro della voce.

Bios (Basic Input Output System): programma basico (componente delle scheda madre) che controlla le funzioni di base del PC fornendo un sistema di sincronizzazione a tutte le periferiche interne; è possibile richiamarlo premendo un tasto (di solito il tasto CANC/DEL) appena dopo l'accensione del pc.

Bisdn (Broad-band Integrated Service Network, ovvero rete digitale a larga banda di servizi integrati): rappresenta uno standard adottato nelle reti geografiche (WAN), per la gestione ad alta velocità di applicazioni che richiedono elevata larghezza di banda (voce, video, dati, grafica), due es. di servizi sono ATM e SMDS.

Bit (Binary digIT, cioè cifra binaria): cifra del sistema di numerazione binaria, che può assumere solo i valori 0 (spento, falso, assenza di tensione) ed 1 (acceso, vero, presenza di tensione), rappresenta l'unità di informazione minima, 8 bit = 1 byte.

Bit/s (bit per secondo): unità di misura della velocità di trasmissione dei dati, rappresenta il numero di bit trasmessi in un secondo durante una procedura di trasferimento più è alto e meglio è.

Bit di dati: sono raggruppamenti di 7 o 8 bit che effettivamente formano i dati in una trasmissione, ogni bit di dati è preceduto da un segnale di start ed è seguito, eventualmente, da un bit di parità e da uno o più segnali di stop.



Bit di parità: un bit ridondante che viene usato per rilevare gli errori di trasmissione.

BitNet (Because It's Time NETwork, cioè perché è tempo di rete): rete universitaria di computer accessibile da Internet per e-mail e per newsgroup.

Bitrate: quantità di Bit al secondo utilizzata nel decodificare un file; maggiore è il numero di bitrate di un file, tanto la qualità dello stesso risulterà migliore (con conseguente aumento dello spazio occupato dal file); il bitrate si misura in Kbit/s ed i più usati per i file mp3 sono 128, 192 e 256 Kbps.

Bix (Byte Information Exchange): servizio online creato inizialmente dalla rivista Byte, oggi di proprietà e sotto la gestione della Delphi Internet Services Corporation; bix offre la posta elettronica, la possibilità di scaricare software e di partecipare a conferenze su temi riguardanti hardware e software.

Black Hat: malintenzionato informatico con intenti criminali (vedi anche cracker); il termine è spesso utilizzato nell'ambito della sicurezza informatica e dagli addetti ai lavori per indicare una persona con grandi capacità informatiche, ma con fini illeciti; solitamente, infatti, se scopre una vulnerabilità la sfutta a proprio vantaggio senza rivelarla e quindi senza contribuire alla sua soluzione.

Blacklist: protezione applicata ad una rete che blocca la navigazione nei siti presenti, appunto, nella blacklist.

Bler/Pi: la possibilità di errore che si verifica scrivendo su cd vuoti e dovuti all'hardware o al supporto stesso (vedi anche Sum8).

Blog: diario personale virtuale dove l'autore solitamente scrive liberamente i suoi pensieri, le proprie emozioni...insomma tutto quello che gli gira; solitamente più interattivo di un sito personale classico, dato che gli ospiti possono lasciare commenti.

Bluebugging: tipo di interazione possibile con un telefono bluetooth, tramite la quale è possibile creare una connessione non autorizzata attraverso il collegamento seriale in mdoo da avere un accesso completo al set AT del telefono (ovvero si può mandare sms, fare telefonate e programmare un telefono a scrocco); scoperto da Martin Herfurt nel 2004.

Bluejacking: tipo di interazione possibile con un telefono bluetooth, tramite la quale il contenuto di un messaggio è visualizzato interamente nel campo nome.

Blueprint: architettura IBM nata nel 1992, che consente di collegare sistemi e reti eterogenee, permettendogli di lavorare tra loro con estrema facilità e trasparenza.

Bluesnarfing: tipo di interazione possibile con un telefono bluetooth, tramite la quale ` possibile copiare i dati di un telefono (registro delle chiamate, rubricam codice IMEI, agenda, foto) o "aggiornarli"; scoperto da ALDigital nel 2003. Per una lista di modelli vulnerabili clicca qui.

Bluetooth: tecnologia senza fili progettata per permetere ai dispositivi elettronici di interagire più liberamente (funziona ad onde radio per un raggio d'azione da 10 fino a 100 metri) e con una veloctà maggiore (1 Mbit/s); gli apparecchi (computer, telefoni, stampanti, mouse, ecc.) compatibili con questo standard trasferiscono i dati attraverso onde radio a corto raggio e per questo non richiedono alcun tipo di cavo, ma allo stesso tempo devono essere dotati di apposita scheda.

Blu-ray: standard evoluzione del Dvd e tecnologia proprietaria di Sony che, utlizzando un laser blu, è in grado di scrivere fino a 50GB di dati su un solo supporto (circa 11 volte più di un normale dvd), garantendo una qualità decisamente superiore ad un dvd grazie ad una risoluzione di 1080p (full hd); necessita di specifici lettori (e te pareva!).
Queste le principali sigle
  • Bd-R/Bd-R DL: dischi riscrivibili una sola volta, con spazio fino a 25 GB; i DL hanno due strati e, quinid, doppia capcità
  • Bd-Re/Bd-Re DL: dischi blue-ray (singolo o doppio strato) riscrivibili fino a 1000 volte.


Bmp: particolare formato di file grafici "privo di perdite", nel senso che le informazioni vengono mantenute inalterate, con il vantaggio della conservazione dei dettagli delle foto, ma con lo svantaggio che i file occupano molto spazio, per questo motivo ` il formato adatto per lavorare con le foto in alata definizione.

Body: il corpo di un documento html dove si trova il contenuto del documento, cioè ciò che verrà realmente visualizzato.

Body Rental: servizio offerto da molte software house che consiste "nell'affitto" di personale specializzato e qualificato (ad es. programmatori e analisti) in appoggio a società che ne hanno bisogno per un limitato periodo.

Bookmark: una funzione del browser che consente la memorizzazione automatica dell’indirizzo di un sito, sul quale si potrà poi tornare semplicemente cliccando sull’intestazione archiviata; per rendere l'idea è come una rubrica dove inserire i propri siti preferiti per poterli poi richiamare con pochi click (in Internet Explorer sono detti Preferiti ed in Mozilla FireFox segnalibri).



Boot: l'azione di spegnimento e accensione del pc che può essere "a caldo" se alla macchina accesa viene dato il comando di riavvio automatico (START --> CHIUDI SESSIONE --> RIAVVIA IL SISTEMA) o "a freddo" se invece la macchina viene accesa dallo stato di spento.

Bootstrap: è la fase di caricamento di un sistema operativo in memoria quando si accende o si riavvia il computer, di solito il bootstrap avviene dal disco rigido ma occasionalmente può avvenire da floppy.

Boot virus (virus di boot): questi non attacano i file ma direttamente i dischi, anando ad es. a riscrivere il settore di avvio dei dischi; un tempo erano molto più pericolosi, in quanto lo scambio di floppy e di dischi era l'unico modo per trasferire velocemente file.

Bot (termine Irc, abbreviazione di robot): non è altro che un programma che rimane sempre connesso ad un server Irc e che simula un utente della chat (li troviamo, praticamente sempre, come operatori dei canali in cui sono presenti); le sue funzioni principali sono quelle di "tenere aperto" il canale mantenendone le configurazioni impostate e di impedire che possa diventare op un utente qualunque; in genere, l'uso dei bot sui server IRC è vincolato dagli amministratori dei server stessi, che danno l'autorizzazione per poterne mettere sui loro server.

Botnet: più bot collegati tra di loro per garantire una maggiore efficienza.

Bounced mail: non sempre i messaggi spediti via email raggiungono il destinatario, questo termine sta ad indicare proprio i messaggi che vengono restituiti al mittente quando si verifica un errore nel collegamento con l'indirizzo email utilizzato o quando il server di posta elettronica usata non è attivo.

Bps (bits per second): vedi Mbit/s.

Bridge: dispositivo hardware utilizzato per connettere reti locali in modo da potersi scambiare informazioni, questi a livello collegamento dati del modello ISO/OSI per le comunicazioni da computer a computer.

Brute Force: tecnica di attacco in cui si provano tutte le possibili combinazioni fino a trovare quella giusta, ovvero quella che dà accesso al sistema sotto tiro; à utilizzata tipicamente quando ci si riferisce alla cifratura con una chiave sconosciuta oppure quando si voglia scoprire una password.

Broadcasting Internet: trasmissione di segnali audio o audio/video attraverso Internet, comprende le stazioni di trasmissione convenzionali che trasmettono i loro segnali in Internet come se si trattasse di stazioni Internet vere e proprie, gli ascoltatori usano software Internet per l'audio, come per esempio RealAudio; uno dei metodi di broadcasting Internet è MBONE.

Browser (dall'inglese "to browse" ovvero rovistare): strumento primario e necessario per la navigazione, ha il compito di raccogliere i dati, visualizzarli graficamente e gestire le possibilità di collegamento con altri documenti, in altre parole un visualizzatore di file html indispensabile per visualizzare le pagine nel World Wide Web e non solo (per intenderci Internet Explorer o Mozilla Firefox o Google Chrome o il vecchio Netscape Navigator).

BTW (By The Way): utilizzato sia nelle chat e nei forum di discussione che nella corrispondenza via e-mail.

Buffer: area di memoria utilizzata per archiviare i dati temporanei, utile per compensare le differenze di velocità di trasmissione fra due dispositivi (ad es. fra due computer).

Buffer-overflow: tecnica di esaurimento delle risorse di un pc inviando come input al computer bersaglio più informazioni di quelle che questo ` preparato a ricevere, in modo da far sovrascivere aree di memoria non previste e quindi eseguire comandi al processore; in altre parole un buffer overflow avviene quando un processo tenta di memorizzare più dati di quelli che ci stanno, in una zona di memoria destinata ad accoglierli temporaneamente (buffer), le info di troppo traboccano (overflow) in zone di memoria adiacenti e gli effetti possono essere devastanti.

Bug: difetto, errore o carenza di software o di hardware (famosi e pericolosi quelli dei prodotti Microsoft); un pò di storia: nel 1947, un insetto suicida si introdusse furtivamente in un paleocomputer a valvole, l'intrusione causò un malfunzionamento dell'elaboratore, creando problemi a programmatori e progettisti che non ne comprendevano la ragione. Da allora bug è sinonimo di un malfunzionamento di un programma del quale non è sempre individuabile la causa.

Burnproof: tecnica di masterizzazione che evita la "bruciatura" dei cd, grazie alla capacità di evitare la catastrofica interruzione del flusso di dati (una delle cause dei tanti cd buttati) con un piccolo artifizio.

Bus: collega elettronicamente i vari componenti del computer lungo il quale vengono inviati i vari segnali (dati, indirizzi di memoria o segnali di controllo); indetifica, quindi, un set di conduttori che connettono le varie unità funzionali di un computer; l'ampiezza del bus, come per esempio il numero di fili (piattina) che lo compongono, determina la quantit&agrvae; di dati che questo può trasportare; i microprocessori attuali hanno bus interni ed esterni a 32 e 64 bit.

Business applications: il termine si riferisce ai sistemi software che vengono utilizzati per automatizzare i processi nell'ambito della vostra compagnia. Esempi di applicazioni sono le paghe, la contabilità, il software CRM, il rapportino lavoro, l'inventario, etc. In alcune compagnie, queste entità potrebbero essere chiamate "sistemi". La applicazioni possono essere state sviluppate internamente, o possono essere state acquistate come pacchetti da fornitori esterni.

Business Continuity: insieme di soluzioni e procedure che permettono di garantire la continuità dell'attività aziendale in caso di sinistro.

Business Continuity Plan (BCP – Piano di Continuità operativa): piano formalizzato contenente le attività finalizzate a garantire il proseguo del business dell'azienda a fronte di eventi classificati, ovvero l'insieme delle attività volte a garantire la continuità dei processi aziendali che concorrono al “core business” dell'azienda. Vengono quindi coperti anche quegli aspetti non prettamente informatici, quali, per esempio risorse umane, interfacciamento verso i fornitori, aspetti comunicativi in caso di crisi. Questo piano consente di predisporre quanto necessario per:
  1. reagire per assicurare il ripristino dei processi critici
  2. guidare le scelte in caso di crisi
  3. definire procedure alternative per assicurare l'operativià
  4. ridurre il tempo di interruzione dei processi aziendali critici
  5. assicurare che le procedure di ripristino siano efficaci.


Business Intelligence: insieme di processi e tecnologie con il fine di analizzare la miriade di dati accumulati in azienda per estrarne valide indicazioni per lo sviluppo del business, la riduzione dei costi e l'incremento dei ricavi. In sostanza, la business intelligence nasce per trasformare quelli che sono ancora e solo dati (già organizzati) in informazioni utili, in conoscenza, in grado di indirizzare le scelte aziendali. Con il termine business intelligence, quindi, ci si può riferire tanto ai processi decisionali completi quanto alle applicazioni, ai sistemi tecnologici in grado di generare conoscenza per i business decision maker, i manager aziendali deputati a prendere le decisioni e ad effettuare le scelte strategiche riguardanti l'attività. A livello software/sistemi, cioé di tecnologia, la BI si compone di una serie di prodotti con caratteristiche affini (spesso modulari): da applicazioni in grado di analizzare ed elaborare i dati restituendoli sotto forma di grafici e report a sistemi complessi capaci di gestire anche l'introduzione di dati teorici e variabili non comprese nei dati del datawarehouse (in modo da poter analizzare in maniera complessa (multidimensionale) i dati e simulare scenari di sviluppo ipotizzando il "What if..."). In generale, i vantaggi competitivi connessi all'uso di sistemi di BI variano dalla tempestività (l'analisi dei dati può avvenire in tempo reale sui valori del datawarehouse), la capacità d'approfondimento e simulazione, la facilità d'uso e la certezza del dato.

Byte: gruppo di 8 bit rappresentato con la lettera B, di solito un byte rappresenta un singolo carattere (come un numero, una lettera o un simbolo); per comodità meglio usare i suoi multipli: 1024 B corrispondono a 1 KB (kilobyte); 1024 KB corrispondono a 1 MB (megabyte); 1024 MB corrispondono a 1 GB (gigabyte); 1024 GB corrispondono ad 1 TB (terabyte).